Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

 "Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perchè la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere 'superato'. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. E' nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla."

(A.Einstein)

Cresce l’export del made in Italy

Grande partecipazione imprenditoriale a Fimi, il Forum Internazionalizzazione Made in Italy, organizzato a Milano da Messe Frankfurt Italia in collaborazione con Gruppo Class.

Oltre 180 le imprese presenti, che si sono confrontate sullo stato del Made in Italy e sul successo riscontrato nei paesi esteri. Strategie da mettere in pratica per aumentare l’export al centro dell’incontro, in un momento in cui la bilancia commerciale italiana è in attivo, come spiega Donald Wich, amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia: “Protagonista assoluto è stato il made in Italy, in ottima salute soprattutto grazie alla crescita delle esportazioni (+2% nel 2014/2015). La bilancia commerciale italiana è in attivo non solo perché stanno diminuendo importazioni e prezzo del petrolio, ma proprio perché cresce l’export, trainato dalle quattro F (food, fashion, furniture farmaceutica) e dalle straordinarie performance della meccanica”. Molteplici i fattori che in questo momento storico contribuiscono alla crescita del made in Italy; accanto alla creatività e qualità che contraddistinguono da sempre i nostri prodotti, anche fattori esogeni favorevoli, come la svalutazione dell’euro, i bassi tassi di interesse, la ripresa degli Stati Uniti e la crescita dei Paesi emergenti.

Fonte:www.ammonitoreweb.it