Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

 "Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perchè la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere 'superato'. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. E' nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla."

(A.Einstein)

Come i co-continui cambieranno l’industria

Si chiamano co-continui e sono dei materiali ottenuti dall’unione di componenti allo stato solido e continuo, combinazione che avviene a livello microstrutturale.

Questa particolare tipologia di materiali è attualmente oggetto di studio del MIT, dove un team di ricerca ha messo a punto un metodo per produrre materiali compositi innovativi, in grado di coprire un’ampia gamma di combinazioni di rigidezza, resistenza, durezza, resilienza. Il risultato? materiali leggeri capaci di assorbire l’energia in condizioni di carico estreme (per esempio per carenature di aerei e camion). La progettazione di questi nuovi materiali è nata da simulazioni al computer cui hanno fatto seguito campionature testate in laboratorio per valutarne la coerenza. Sembra possibile lavorare, oltre che sulle proprietà meccaniche, anche su quelle elettriche, termiche e ottiche, arrivando ad ottenere materiali compositi memory form o in grado di filtrare determinate frequenze, in funzione della pressione applicata.

Fonti: MIT news - www.subfornituranews.it